Cividale del Friuli

Scrigno di tesori di inestimabile valore Cividale del Friuli accoglie i visitatori con le vestigia della sua storia millenaria, orgogliosa dei suoi gioielli più preziosi, riconosciuti Patrimonio Mondale dell’Umanità nell’ambito del sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”, iscritto nella World Heritage List UNESCO dal 25 giugno 2011.

A Cividale si ripercorrono le tracce dei Longobardi visitando il Monastero di Santa Maria in Valle con lo straordinario Tempietto Longobardo, celebre in tutto il mondo per i suoi incredibili stucchi, il Museo Cristiano e Tesoro del Duomo, che conserva il Battistero di Callisto e l’Ara di Ratchis ed, infine, il Museo Archeologico Nazionale, dove sono esposti gli splendidi reperti che descrivono la quotidianità di questo popolo tanto antico quanto straordinario.

Una città ricca di storia, profondamente legata alla proprie tradizioni che ancora oggi vivono e si rinnovano nelle sue manifestazioni di carattere storico: la suggestiva Messa dello Spadone, celebrata ogni anno il 6 gennaio, ripropone uno dei riti liturgici più antichi della Chiesa, cui fa seguito la rievocazione dell’entrata in città del Patriarca Marquardo von Randeck avvenuta nel 1366; ricordiamo inoltre il Palio di San Donato, che fa rivivere il celebre torneo che dal Trecento fino all’epoca Napoleonica veniva indetto in onore del Santo Patrono cittadino, il 21 agosto: per un intero fine settimana, Cividale si ripropone in una veste storica colorata e festosa con centinaia di figuranti vestiti in perfette riproduzioni di abiti medievali, scenografie coinvolgenti, ambientazioni animate, ricostruendo un vero palcoscenico sul quale il visitatore, pervaso da un’emozione unica, può vivere da protagonista la Storia, i suoi suoni e i suoi sapori.

Cividale è una città ricca di cultura, che ospita grandi eventi e importanti manifestazioni, quali il Mittelfest, Festival di prosa, musica, danza, poesia, arti visive e marionette dei paesi della Mitteleuropa, che di anno in anno nel mese di luglio propone un diverso tema che fa da filo conduttore alle rappresentazioni che vedono la partecipazione di prestigiose compagnie e di grandi artisti, oppure, ancora, i Corsi internazionali di Perfezionamento Musicale, che, oltre alle lezioni per solisti e per gruppi cameristici, alle quali possono partecipare allievi di qualsiasi nazionalità ed età in qualità di “effettivi” o “uditori”, offrono al grande pubblico l’opportunità di ascoltare i Maestri docenti e diversi illustri ospiti, accompagnati da alcuni allievi, esibirsi durante i numerosi concerti che si svolgono nelle chiese, nelle ville e nei castelli della zona.

Percorrendo le suggestive strade del centro storico cividalese, i visitatori potranno immergersi nell’atmosfera misteriosa dell’Ipogeo Celtico, contemplare la bellezza del fiume Natisone dal Ponte del Diavolo, ammirare il Duomo, le chiese dei borghi, i raffinati palazzi del periodo della dominazione veneziana, sostare, infine, nei numerosi locali cittadini per gustare le prelibatezze culinarie accompagnate dai pregiati vini dei Colli Orientali del Friuli.

Foto gentilmente concessa dal Comune di Cividale del Friuli – diritti riservati